Progetti ASD Oltredanza

2020

Impotenti

CREA INSIEME AI DANZATORI!

“Danzare, è lottare contro tutto ciò che ci trattiene, tutto ciò che ci affonda, tutto ciò che pesa e appesantisce, è scoprire con il proprio corpo l’essenza, l’anima della vita, è entrare in contatto fisico con la libertà.”

DOMENICA 1 NOVEMBRE 2020 ORE 18:00 ❗️ Inviaci la tua adesione tramite messaggio al 3409650228 o tramite mail asdoltredanzamatera@gmail.com Scrivi: RICHIEDO PARTECIPAZIONE ESITO IMPOTENTI.❗️

🔴ESSERE PARTECIPE DI UN LABORATORIO NON SARA’ MAI STATO COSI SEMPLICE!!!

CREA INSIEME AI DANZATORI!

“Ti raggiungerò, ti troverò, vedrò sollevare la polvere dietro i tuoi passi.”

In quest’anno molto particolare, nonostante le tante difficoltà affrontate a causa dell’emergenza sanitaria, diamo vita ad un progetto finalizzato alla ricerca sia online che offline. Il processo artistico nasce nel periodo del lockdown come analisi di una relazione “obbligata” con il media digitale e come ricerca, nel suo interno, di potenzialità e nuove possibilità di percorsi artistici.

Cosa cerchi nelle persone che ti affiancano nel tuo percorso di vita?

Potrai rispondere a queste domande con semplici PAROLE CHIAVE, commentando questo video O tramite mail asdoltredanzamatera@gmail.com. Le vostre risposte aiuteranno i danzatori e i coreografi a creare nuovi esiti laboratoriali del progetto impotenti.

CREA INSIEME AI DANZATORI!

“Arriva l’abbraccio. Non sentivo il contatto, ma era dietro di me, pronto a respirare con il mio respiro e a seguire i miei passi. Percepisco che ci sei…ma sono solo.”

In quest’anno molto particolare, nonostante le tante difficoltà affrontate a causa dell’emergenza sanitaria, diamo vita ad un progetto finalizzato alla ricerca sia online che offline. Il processo artistico nasce nel periodo del lockdown come analisi di una relazione “obbligata” con il media digitale e come ricerca, nel suo interno, di potenzialità e nuove possibilità di percorsi artistici.

Qual è la “lotta” personale che affronti quotidianamente? Cosa cerchi dentro di te in momenti di solitudine o isolamento forzato?

Potrai rispondere a queste domande con semplici PAROLE CHIAVE, commentando questo video O tramite mail asdoltredanzamatera@gmail.com. Le vostre risposte aiuteranno i danzatori e i coreografi a creare nuovi esiti laboratoriali del progetto impotenti.

CREA INSIEME AI DANZATORI!

“Mi manca un paracadute, mi sento persa, nervosa, o forse ce l’ho ma non posso aprirlo. L’unica scoperta confortante e sicura in questo momento è pensare di riuscire a cambiare orientamento, visione. Trovare il paracadute e sentirmi protetta, considerata, consolata.”

In quest’anno molto particolare, nonostante le tante difficoltà affrontate a causa dell’emergenza sanitaria, diamo vita ad un progetto finalizzato alla ricerca sia online che offline. Il processo artistico nasce nel periodo del lockdown come analisi di una relazione “obbligata” con il media digitale e come ricerca, nel suo interno, di potenzialità e nuove possibilità di percorsi  artistici.

Qual è il vostro paracadute?

Potrai rispondere a queste domande con semplici PAROLE CHIAVE, commentando questo video O tramite mail asdoltredanzamatera@gmail.com. Le vostre risposte aiuteranno i danzatori e i coreografi a creare nuovi esiti laboratoriali del progetto impotenti.

CREA INSIEME AI DANZATORI!

“Chiusa nel mio isolamento, provo ad esplorarlo, delimitandone confini, cerco di muovermi all’interno. Cresce sempre di più il desiderio di sentire il mio corpo” 

In quest’anno molto particolare, nonostante le tante difficoltà affrontate a causa dell’emergenza sanitaria, diamo vita ad un progetto finalizzato alla ricerca sia online che offline. Il processo artistico nasce nel periodo del lockdown come analisi di una relazione “obbligata” con il media digitale e come ricerca, nel suo interno, di potenzialità e nuove possibilità di percorsi  artistici.

Con quale parola definiresti il tuo corpo e la sua emotività?

 

Potrai rispondere a queste domande con semplici PAROLE CHIAVE, commentando questo video O tramite mail asdoltredanzamatera@gmail.com. Le vostre risposte aiuteranno i danzatori e i coreografi a creare nuovi esiti laboratoriali del progetto impotenti.

 CREA INSIEME AI DANZATORI!

“il vuoto proibisce il volo, l’emergenza dell’essere. Un occhio, un corpo, un contrasto nell’aria. Un corpo, un altro corpo come me.”

In quest’anno molto particolare, nonostante le tante difficoltà affrontate a causa dell’emergenza sanitaria, diamo vita ad un progetto finalizzato alla ricerca sia online che offline. Il processo artistico nasce nel periodo del lockdown come analisi di una relazione “obbligata” con il media digitale e come ricerca, nel suo interno, di potenzialità e nuove possibilità di percorsi artistici.

Cosa o chi vorresti sempre al tuo fianco?

Potrai rispondere a queste domande con semplici PAROLE CHIAVE tramite mail asdoltredanzamatera@gmail.com. Le vostre risposte aiuteranno i danzatori e i coreografi a creare nuovi esiti laboratoriali del progetto impotenti.

 CREA INSIEME AI DANZATORI!

“Contatto con se stessi come esplorazione del corpo, percorrere ogni centimetro per capire di cosa è composto”

In quest’anno molto particolare, nonostante le tante difficoltà affrontate a causa dell’emergenza sanitaria, diamo vita ad un progetto finalizzato alla ricerca sia online che offline. Il processo artistico nasce nel periodo del lockdown come analisi di una relazione “obbligata” con il media digitale e come ricerca, nel suo interno, di potenzialità e nuove possibilità di percorsi artistici.

Dove desideri andare? Con chi ti senti al sicuro?

Potrai rispondere a queste domande con semplici PAROLE CHIAVE tramite mail asdoltredanzamatera@gmail.com. Le vostre risposte aiuteranno i danzatori e i coreografi a creare nuovi esiti laboratoriali del progetto impotenti.

 CREA INSIEME AI DANZATORI!

“Quello che sto vivendo è vuoto, è disorientamento. Resto pietrificata da qualcosa più grande di me”.

In quest’anno molto particolare, nonostante le tante difficoltà affrontate a causa dell’emergenza sanitaria, diamo vita ad un progetto finalizzato alla ricerca sia online che offline. Il processo artistico nasce nel periodo del lockdown come analisi di una relazione “obbligata” con il media digitale e come ricerca, nel suo interno, di potenzialità e nuove possibilità di percorsi artistici.

Con quali parole voi raccontereste il senso di IMPOTENZA nella fase del lockdown?

Potrai rispondere a queste domande con semplici PAROLE CHIAVE tramite mail asdoltredanzamatera@gmail.com. Le vostre risposte aiuteranno i danzatori e i coreografi a creare nuovi esiti laboratoriali del progetto impotenti.

2019

City Lights On Tips

 

“City Lights On Tips” è il progetto natalizio che ASD Oltredanza ha presentato a Matera dal 27 Dicembre al 6 Gennaio 2020.

Il progetto, giunto alla sua 4^ edizione, ha proposto, nei quartieri e nel centro storico, numerosi installazioni luminose performative, dalla durata singola di 15 minuti, con ballerine che hanno indossato abiti di riciclo e tutu illuminati da lucine.
Le installazioni site specific sono state precedute da incursioni urbane che hanno mirato ad incuriosire il pubblico, attirato dall’originalità dell’iniziativa.
I costumi, precedentemente realizzati mediante dei laboratori organizzati in collaborazione con l’Istituto di Istruzione Superiore Isabella Morra- sezione Moda, Il Sicomoro, l’Associazione Tolbà e i tesserati dell’associazione Asd Oltredanza sono stati creati con materiale di riciclo ed esposti presso le attività commerciali aderenti all’iniziativa.

Il processo coreografico è stato curato da Rossella Iacovone, presidente e direttore artistico di Asd Oltredanza, in collaborazione con i coreografi Jorge Seijo Alvarez e Marco Magrino, i quali hanno guidato le danzatrici che hanno eseguito coreografie di danza classica, modern e contemporanea, realizzate dalla contaminazione di questi stili.

 

2019

Stagione Estiva Compagnia Asd Oltredanza

Tre nuove produzione della Compagnia Asd Oltredanza con la Direzione Artistica di Rossella Iacovone e la collaborazione di  grandi coreografi a livello internazionale quali Giannalberto de Filippis, Michal Mualem, Marco Magrino, con la regista Vania Cauzillo e l’associazione a sostegno dei minori migranti “Tolbà”.

-“IN-MET”- lo spettacolo indaga il cambiamento e la possibilità di cambiare senza perdersi, i segni che caratterizzano ciascun individuo, come le cicatrici che scrivono, in parte, chi siamo.
In  Met (dove “Met” rimanda a “Metamorfosi del sé”, il concept che da tempo sviluppa Oltredanza) è realizzato grazie ad importanti collaborazioni , fra cui il collettivo MaterElettrica, della Scuola di Musica Elettronica e Applicata del Conservatorio “Egidio Romualdo Duni” di Matera, che ha composto musiche originali per questo spettacolo.

-“D-ISTANTE”-Teatro-danza e modern  per  raccontare l’emigrazione dei giovani del Sud Italia, costretti ad abbandonare le città d’origine per poter inseguire il sogno di un lavoro e di una passione. Nato dalla residenza artistica che si è svolta a Matera dal 5 al 12 agosto, D-Istante è uno spettacolo che racconta il Meridione attraverso le voci, i passi di danza e la regia di giovani professionisti lucani e pugliesi,che interpreteranno le coreografie modern di Marco Magrino per la regia di Vania Cauzillo.

 –“REVIVAL”- Nato dalla collaborazione con l’Associazione Tolbà – Medici Volontari per Lavoratori Stranieri, Revival vedrà in scena tre danzatori  lucani e pugliesi e otto giovani ospiti di Tolbà provenienti da Senegal, Somalia, Eritrea e Pakistan. Lo spettacolo, in 50 minuti, racconta la rinascita dei protagonisti, partendo dalle origini e tradizioni di ciascuno, passando per la ricerca di un futuro, che sia lavorativo o di una terra che accolga e protegga, per giungere a un obiettivo, a un progetto di vita.In Revival confluiscono le tante culture dei protagonisti ed è stato inserito anche la Kankurang, la danza mascherata rituale che si pratica ancora oggi in Gambia e Senegal e che dal 2008 è Patrimonio Immateriale Unesco. E tante sono le collaborazioni, come con Roberto Chietera che è la guida. 

2018

Glass On Tips

 

Le ballerine della Asd “Oltredanza” guidate dalla coreografa Rossella Iacovone in collaborazione con il ballerino-coreografo Marco Magrino presentano l’evento “Glass On Tips”.

I danzatori eseguono brevi performance di danza classica e contemporanea prodotte dalla contaminazione di questi stili, in tutù, illuminati da lucine. Dopo il primo evento nel 2016 “Light on Tips” e il secondo nel 2017 con “Luccicava”, Glass On Tips   alla terza edizione riscontra ancor più fascino , entusiasmo e attrazione, avvicinando  il pubblico profano e non,dai quartieri al centro storico, al mondo della danza e dell’arte  .

 Tutte la performance  sono seguite dai fotografi Domenico Fittipaldi e Sergio Andriulli ,che creano un percorso fotografico nella città, immortalando  i momenti salienti del progetto.

 

2018

L’origine: metamorfosi del sé

Nel 2018 Rossella Iacovone con la collaborazione del coreografo Marco Magrino, fondano la prima compagnia di danza a Matera dal nome “Asd Oltredanza”.

La compagnia porta in scena il primo spettacolo “L’origine: metamorfosi del sé” una ricerca, attraverso le origini, di un nuovo sé.

Una performance tutta al femminile che richiama il simbolismo, la mitologia greca e l’apocalisse lasciando allo spettatore la possibilità di una reinterpretazione secondo la propria coscienza. Il progetto è stato patrocinato dal Comune di Matera e della Regione Basilicata.

Direzione artistica e concept: Rossella Iacovone

Coreografia: Rossella Iacovone

Consulenza artistica: Marco Magrino

Supporto Regia: Giusi Zaccagnini

Danzatrici:  Serena Di Lecce, Angela Mitidieri, Sofia Rega, Nicla Schiavone, Adriana Perez Cordero.

2018

Luccicava

La prima edizione “Light on Tips” del 2016 a cura della coreografa Rossella Iacovone e del fotografo Ivan Agatiello, sperimentano l’uso delle lucine sui corpi delle ballerine.

Da questo, nel 2018, nasce il progetto LUCCICAVA in cui le ballerine, attraverso lucine presenti sul corpo, risaltano la forma delle grotte attraverso corpi danzati.

Questa edizione porta alla realizzazione di una mostra fotografica a cura di Luca Centola e di un video.

Il successo ottenuto ha fatto si che a Dicembre 2018, per coinvolgere ancor più il pubblico materano e turistico, viene sviluppato il progetto “Glass on Tips” con la collaborazione di Marco Magrino, dove le ballerine con costumi illuminati da lucine danzano nelle vetrine dei negozi della città di Matera dalla periferia al centro storico.

Tutti gli eventi sono stati patrocinati dal Comune di Matera.

2016/2017

Autentravel

Il progetto nato nel 2016, con il patrocinio del Comune di Matera, condanna come, nella società attuale, veniamo “bombardati” da continui input provenienti dalla tv e dai social network.

L’autenticità è una cosa ormai rara, intrappolati in una rete che ci impedisce di avere un riferimento stabile o un ideale fisso.

La performance, è una fusione di danza, teatro e filosofia che porta lo spettatore a pensare a un modo per rinascere e intraprendere un viaggio alla ricerca di se stessi liberandosi dall’involucro che incatena la nostra vera personalità.

Nel 2017 il progetto viene riproposto, con il patrocinio e il contributo del Comune di Matera, scoprendo e rivisitando nuove tecniche interpretative e coreografiche portando in scena storie dei richiedenti asilo attraverso i gesti e l’espressione corporea.

Direzione artistica e coreografia: Rossella Iacovone

Coreografa –  teatro danza: Lucia Pennacchia

Drammaturgia: Viviana Matacchiera

Collaboratori  del progetto:  IAC – COOP POLIS – Angela Difonzo